ACCPI orgogliosa del riconoscimento meritato dal “suo” Vanni Pettenella

Dopo aver ricevuto la comunicazione ufficiale della decisione del Comune di Milano di concedere una sepoltura tra i grandi della città a Giovanni Pettenella, l’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani (ACCPI) esprime tutto il suo orgoglio per il riconoscimento meritato dal “suo” Vanni.
Pettenella sarà tumulato nella cripta sotto il Famedio del Cimitero Monumentale, il Pantheon dei Grandi di Milano. La cerimonia avverrà mercoledì 14 marzo alle 10.30 presso il Famedio. Riposerà sopra il feretro di Candido Cannavò e vicino a molti altri personaggi illustri del capoluogo lombardo.
La Giunta comunale ha voluto onorare così il grande ciclista degli anni ’60, vincitore della medaglia d’oro nella gara di velocità su pista alle Olimpiadi di Tokyo del 1964.
Identificato a pieno titolo come persona illustre e benemerita, Vanni è stato un uomo di ciclismo a tutto tondo: oltre che ottimo pistard, tecnico, inventore e maestro di tanti atleti, era figura centrale all’interno dell’ACCPI. Rappresentate della pista e del ciclocross nell’Associazione fino alla fine dei suoi giorni, era la memoria storica del sindacato, di cui faceva parte dagli anni ’70.