Alcune delucidazioni sulla contaminazione alimentare

L’UCI interrogata dal CPA sui recenti casi di positività al clenbuterolo riconosciuti come contaminazione alimentare involontaria spiega che sta seguendo molto da vicino l’evoluzione della situazione del clenbuterolo, ricorda che la presenza di clenbuterolo nei campioni costituisce sempre una violazione del regolamento antidoping, ma ribadisce che insieme alla WADA sta monitorando con attenzione la situazione in Cina e in Messico. Si raccomada ai corridori e alle squadre di non consumare carne in quei paesi. .