Appello dei corridori al pubblico: tifateci ma rispettateci

In seguito agli incidenti occorsi al Giro d’Italia, in particolare nel finale della tappa di Genova e oggi in volata sul traguardo di Castiglione della Pescaia, i corridori italiani impegnati nella corsa rosa e non solo tramite l’ACCPI chiedono ai tifosi di porgere più attenzione nell’assistere alle gare.
Il ciclismo è già di per sè uno sport molto pericoloso, i girini chiedono al pubblico rispetto e maggiore riguardo per la loro sicurezza. Cadute dalle gravi conseguenze come quella che questo pomeriggio ha coinvolto tra gli altri Daniele Colli e la maglia rosa Alberto Contador possono essere evitate con un maggiore riguardo per i professionisti impegnati a svolgere il proprio lavoro, educazione e cultura sportiva.
I corridori, che anche nei prossimi giorni si augurano il pubblico sarà numeroso lungo le strade d’Italia, rinnovano l’invito agli appassionati di stare dietro alle transenne senza sporgersi, incitarli ma stando a bordo strada, evitando azioni rischiose, sia per loro stessi che per gli atleti, per mettersi in mostra.
La peculiarità del ciclismo è la vicinanza tra protagonisti e spettatori, questa va salvaguardata senza mancare mai di rispetto agli attori principali dello spettacolo.
I corridori vi aspettano alla partenza e all’arrivo di tappa per una stretta di mano e una pacca sulla spalla, durante la corsa per favore portate loro rispetto.

foto Graham Watson/BettiniPhoto©2015