De Lillo: corridori, fate sentire la voce